Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Post in evidenza

Il Richiamo della Terra...ॐ

Il mio Corso di Erboristeria "Di Erba in Erba"

giovedì 22 settembre 2016

Equinozio d'Autunno - 22 Settembre 2016

©dierbainerba.blogspot.it - Maria Caterina Ranieri – all rights reserved ॐ


L’Anno astronomico è contraddistinto da quattro eventi cardinali annuali: l’Equinozio di Primavera (Pasqua), il Solstizio d’Estate (S. Giovanni),  l’Equinozio d’Autunno (S. Michele) e il Solstizio d’Inverno (Natale). Nelle Rubriche “Il Cammino del Sole©” e l’Angolo della Luna© potrete trovare alcuni post molto utili riguardanti questi eventi.

Queste feste sono state istituite per ricordare all’Uomo, che in questi momenti, grandi e potenti energie sono riversate su lui per aiutarlo nel suo cammino evolutivo… non perdiamoci questi momenti, sono aiuti fantastici, evviva!
Oggi 22 Settembre 2016 alle ore 16.21 entra l’Autunno nel nostro Tempo e avviene l’Equinozio d’Autunno…
Equinòzio s. m. [dal lat. aequinoctium, comp. di aequus «uguale» e nox noctis «notte»]. – Ciascuno dei due punti d’incontro dell’eclittica con il piano dell’equatore celeste, e anche ciascuno dei due istanti (praticamente dei due giorni) in cui il Sole, percorrendo annualmente l’eclittica nel suo moto apparente, passa per essi: e. di primavera (21 marzo), e. di autunno (23 sett.); agli equinozî la durata del giorno è uguale alla durata della notte per tutta la Terra. Per la precessione degli e., v. precessione.” (fonte treccani.it).
L’Autunno… questa particolare stagione dell’anno che vede le ore di luce accorciarsi sempre più nel nostro giorno, che lascia l’Uomo un po’ timoroso riguardo al suo futuro, trova nella Natura la sua alleata, che, nella sua infinita bontà e accudimento verso l’essere umano cosa fa?
Si veste di abiti multicolori attraverso il suo fogliame tinto di oro, giallo, arancio, rosso, tutti colori che attivano i chakras terreni, quelli che parlano di Vita e che rallegrano anche il nostro animo… che meraviglia!
L’Estate ufficialmente ci saluta con i suoi meravigliosi momenti trascorsi e con la sua indiscutibile solarità…
Quante depressioni potrebbe essere evitate se riscoprissimo il contatto con il Mondo vegetale… una passeggiata in un bosco autunnale riconcilia con l’Universo nutrendoci delle sue vibrazioni cromatiche a 360° vinciamo la pigrizia, usciamo dalle nostre abitazioni e rechiamoci in Villa o in un Parco cittadino… dove c’è un albero, c’è energia, una bella energia RESPIRIAMOLA a pieni polmoni, il nostro corpo ci ringrazierà, pratichiamo il Qi Gong o il Tai Chi Chuan discipline ideali per interagire energeticamente con l’Ambiente che ci circonda… o semplicemente passeggiamo godendoci gli alberi che incontriamo, ma facciamolo in silenzio… nel silenzio alberi, erbe, pietre iniziano a parlare
L’Equinozio d’Autunno si trova sotto la protezione di S. Michele che con la spada di luce ci aiuta a separare “il puro dall’impuro” i frutti, ormai giunti a maturazione, sono pronti a separarsi dall’albero, in questo momento, anche nell’essere umano qualcosa si separa… la sua anima ha bisogno di elevarsi e di separarsi dal corpo… inizia il Tempo introspettivo, quello del raccoglimento, che durerà fino a Natale, al Sostizio d’Inverno, e che vedrà l’Uomo rinascere a Nuova Vita
Ermete Trismegisto a tal proposito dice: «Tu separerai il sottile dal denso con grande abilità». Separare il sottile dal denso vuol dire separare lo spirituale dal materiale.
Durante l’autunno tale processo di separazione si realizza in tutta la natura per preparare la nuova vita. Come l’Arcangelo Michele viene a separare l’anima dal corpo, così l’Iniziato lascia morire in sé una materia per liberare la vita.
L’Arcangelo Michele separa l’anima dal corpo perché l’anima deve viaggiare, visitare altri mondi dello spazio e non rimanere eternamente sulla Terra.
La separazione è una legge della vita. Ecco quindi che cosa dobbiamo imparare dall’Arcangelo Michele: 


  • la selezione,

  • il discernimento,

  • l’apprendere a separare il puro dall’impuro, l’utile dall’inutile,

  • il nocivo dal salutare,

  • la cosa morta da quella viva.

E la causa di tutte le sventure è proprio la mancanza della capacità di discernimento.

Le forze presiedute dall’Arcangelo Michele sono forze di equilibrio, di giustizia, quindi di discernimento tra il buono e il cattivo in vista di liberare ciò che è bene e di trasformare ciò che è male.
Ma il bene e il male sono così strettamente uniti che non li si può separare prematuramente senza provocare lacerazioni. L’arte di separare i contrari è la più difficile che ci sia; ed è in natura che gli Iniziati si sono istruiti in quest’arte. 

Non è facile separare la noce dal suo mallo, ma la natura sa come farlo: essa lascia maturare il frutto, il mallo si apre da solo e la noce si libera. 

Lo stesso dicasi per il bimbo nel ventre di sua madre: esso è strettamente collegato alla madre e non lo si può strappare prematuramente, altrimenti sarebbe la morte per entrambi. Se invece si aspetta, il frutto giunge a maturazione e, a quel punto si può recidere il legame che univa la madre e il bambino. 

Questa separazione è il simbolo della maturità. Vi ricordate della parabola del Vangelo sulla zizzania e sul buon grano?

Il tempo della mietitura è quello in cui i frutti sono maturi. Bisogna quindi aspettare quel momento per separare il male dal bene, e tale separazione sarà operata dall’Arcangelo Michele.

Sarà l’Arcangelo Michele colui che rivestirà il ruolo principale nella purificazione della terra. 

Nel corso dei secoli, una moltitudine di esseri nocivi hanno riversato sulla terra un’immensa quantità di forze distruttrici, forze che si sono accumulate in un serbatoio prendendo la forma di un mostro chiamato Drago o Serpente. E’ lui quello di cui si dice che… seduce le nazioni, porta fuori strada i figli di Dio e provoca tutte le sventure dell’umanità. Questa egregora è di una potenza smisurata. Solo l’Arcangelo Michele è in grado di vincere questa egregora. Con l’aiuto del suo esercito, realizzerà ciò che da secoli le moltitudini implorano dal Creatore. 

Ecco perchè dobbiamo collegarci all’Arcangelo Michele, chiedergli la sua protezione e la possibilità di operare con lui per accrescere la sua vittoria. La luce trionferà sulle tenebre: è stato predetto e così sarà. Perchè non partecipare a quell’evento? 

I figli di Dio che saranno iscritti nel numero di coloro che avranno partecipato al combattimento dell’Arcangelo Michele, il Genio del Sole, questa potenza di Dio tra le più luminose, riceveranno il bacio dell’Angelo del fuoco.
 
Tale bacio non li brucerà ma li illuminerà!(fonte: http://www.disinformazione.it)

Il mio Augurio, quindi, per me e per tutti coloro che lo desiderano è quello di “Essere baciati dalla Luce!” 

Nella MTC (Medicina Tradizionale Cinese) all'Autunno sono associati gli organi Colon  e Polmoni... occupiamoci di loro, depuriamoli! Come? Ve lo scriverò nel prossimo post, a presto!
a cura di Maria Caterina Ranieri
Posta un commento