Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Post in evidenza

Ekadashi di Luglio 2018 - il Digiuno Lunare 月

Un giro sul blog ☺

giovedì 21 settembre 2017

Prurito oculare e... "I Consigli del Dottor Semplicista©"

Prurito oculare e... "I Consigli del Dottor Semplicista©"


Salve a tutti miei cari naviganti! Posso immaginare la vostra perplessità leggendo questo consiglio…ma poi... mica tanto! 

 Io nei miei corsi di erboristeria inizio da molto lontano…inizio a raccontare del Tempo in cui non c’erano i libri, figuriamoci internet…

L’uomo era qui, su questo pianeta in compagnia dei suoi simili e degli animali…ebbene, furono proprio loro, dotati di un istinto primordiale sviluppatissimo, ad insegnare - attraverso le loro azioni, le loro preferenze in fatto di cibo, o di erbe per la cura – all’Homo sapiens (sapiens chissà perché, visto che non sapeva nulla) di cosa nutrirsi e come curarsi…

Incredibile vero? Ma ritorniamo a noi, pensiamo ai nostri cari amici, gli animali domestici, molto spesso li troviamo a leccarsi, per la toilette, per accarezzare, anche per leccarsi qualche zona dolente…si staranno mica massaggiando?

Già il detto “leccarsi le ferite,"  qualche idea ce la dovrebbe far venire in mente…

Pensate, la nostra “Rugiada celeste” la nostra saliva (xian ) arricchita di energia, così la chiamavano i Maestri taoisti,  possiede diverse molecole dalle proprietà incredibili che hanno incuriosito addirittura dei ricercatori olandesi tanto da intraprendere uno studio scoprendo che, riporto l'articolo integrale:

Uno studio olandese pubblicato su Faseb journal, rivista della Federation of American Societies for Experimental Biology, dimostra che la saliva umana contiene una proteina in grado di accelerare la guarigione delle ferite. Gli scienziati hanno riscontrato che l’istatina, questo il nome della molecola, creduta soltanto capace d’attività antimicrobiche, possiede, inoltre, la facoltà di favorire i processi di cicatrizzazione. La riproduzione di questi peptidi a livello industriale potrebbe dar luogo a farmaci che aiuterebbero persone soggette a ferite croniche, come le ulcere connesse al diabete, o a ferite da trauma come le ustioni.

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno realizzato delle piastre di cultura di cellule epiteliali della guancia interna. Successivamente hanno creato artificialmente una ferita sulle piastre immergendone una in un fluido isotonico e un’altra in una soluzione di saliva. Dopo 16 ore gli scienziati hanno osservato che la ferita trattata con la saliva era quasi completamene rimarginata mentre l’altra era ancora aperta.

Questo esperimento ha permesso di capire che uno dei componenti della saliva, un liquido molto complesso (contiene anche una sostanza antidolorifica), era responsabile del processo di cicatrizzazione. Il passo successivo è stato dunque, andare a scoprire quale fosse questo elemento. I ricercatori hanno isolato le diverse parti della saliva e hanno trovato il responsabile: l’istatina, appunto.

Le istatine, una famiglia di proteine ricche di istidina, presenti nella saliva umana, hanno molteplici proprietà, oltre a quella appena scoperta dai ricercatori olandesi: vengono infatti considerate dei veri e propri antibiotici naturali. Tra queste risulta particolarmente attiva l’istatina5, che è un prodotto di frammentazione dell’istatina3, ancora in fase di sperimentazione.

Le prospettive d’applicazione di questa ricerca sono innumerevoli, ma, come spiega Irene Messana, del dipartimento di scienze applicate ai biosistemi dell’Università di Cagliari, «il dimostrare un’attività biologica della molecola e poi passare alla pratica richiede molto tempo; bisognerà valutare quali siano i vantaggi e i costi, affrontando una serie di problematiche che richiedono tempo per essere risolte».(articolo di Gianluca Bruttomesso, fonte)"




Che ne dite miei cari naviganti era vincente la nostra “Tradizione erboristica” che senza sofisticati strumenti riuscivano a comprendere le possibilità di un preparato o di un erba?

Ricordatelo ora, quando nel bosco, senza nessun disinfettante a portata di mano, medicherete la vostra ferita con la vostra preziosa Rugiada celeste (xian ).

Grazie Fra’ Domenico dei tuoi preziosi consigli, “la Scienza di oggi e la Tradizione di ieri” è il modo ideale per far sopravvivere la vera erboristeria.

Il libro da cui sono tratti   "I Consigli del Dottor Semplicista© è: 

Piante Officinali coltivate – Consigli, tisane, preparazioni e proprietà” 

i cui autori sono Fra’ Domenico Palombi, Patrizio Palombi - Sonia Valeri  edizioni. LCL.

 Vi aspetto al prossimo post, buona lettura. 

a cura di Maria Caterina Ranieri

Per acquistare i testi visitare il sito: http://www.medicalinformation.it/catalogsearch/result/?q=piante+officinali+coltivate 
la sottoscritta è stata autorizzata alla divulgazione dei I Consigli del Dottor Semplicista sul suo blog direttamente dagli autori.

Posta un commento