Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Vi presento il mio Corso di Erboristeria

mercoledì 1 marzo 2017

I Nomi delle Dita dei Piedi

©dierbainerba.blogspot.it – Maria Caterina Ranieri – all rights reserved ॐ


Quando si dice che l’occasione vien…vivendo, qualche giorno fa il mio amico Roby mi chiede: “come si chiama il secondo dito del piede?” E io: “il secondo dito del piede!” e lui: “No…” ed io che pensavo che non avessero un nome le dita dei piedi, mi sono subito attivata per sapere… 


Ora sfido chiunque a dirmi il nome delle dita delle mani, li conoscete tutti, bene vediamo come si chiamano quelli dei piedi, ecco cosa ci dice in proposito l’Accademia della Crusca attraverso la redattrice del post Vera Gheno Consulente Linguistica:

“[…]Una convenzione internazionale ratificata nel 1998 adotta, per quanto riguarda l'anatomia, la nomenclatura latina: i digiti pedis, quindi, partendo da quello più vicino all’asse mediano del corpo, sono:

I = Digitus primus o Hallux
II = Digitus secundus
III = Digitus tertius
IV = Digitus quartus
V = Digitus quintus o minimus pedis 

(cfr. Terminologia Anatomica 1998). In ambito italiano le dita dei piedi sono “ufficialmente” chiamate primo dito, secondo dito, terzo dito, quarto dito e quinto dito. L’unica nomenclatura riconosciuta è dunque questa, con l'eventuale l’aggiunta di alluce e mignolo del piede per il I e il V dito.

Da alcuni anni girano, soprattutto in rete, degli elenchi per così dire “apocrifi” di nomi per le dita dei piedi. A parte il già noto alluce, le altre, partendo dal corrispondente dell'indice della mano, sarebbero chiamate:

illice melluce o dilluce o dillice o polluce;
trillice o trilluce;
pondulo o pondo o pondolo o pìnolo o anulo;
minolo o minulo mellino; per quest'ultimo è invalso nell'uso anche il nome mignolino (del piede).

Già il fatto che i nomi non siano completamente uniformi è spia della loro mancanza di effettivo radicamento nell'uso, se non addirittura di una reale circolazione.

Questa nomenclatura non appare né registrata nella lessicografia, né riportata in testi medici o scientifici. Ne troviamo attestazioni in romanzi e altri libri non specialistici in anni recenti: una delle prime risale al 2012, all'interno di un volume dal titolo 100 storie per quando è troppo tardi.  […](fonte:http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/nomi-dita-piedi)

Ecco e forse svelata un’altra conoscenza, forse, alla luce di questo post, ci occuperemo di più delle nostre regali estremità!

A cura di Maria Caterina Ranieri
Posta un commento