Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Vi presento il mio Corso di Erboristeria

venerdì 25 marzo 2016

Serena Pasqua a tutti!

Consulenza naturopatica, cromoterapia, cromoestetica, floriterapia mediterranea, esperta di cosmesi naturale personalizzata, esperienza trentennale da 0 a 100 anni, http://dierbainerba.blogspot.it, © Maria Caterina Ranieri – all rights reserved ॐ

La "Ruota del Tempo instancabile gira ed evento dopo evento, il Tempo scorre come l'acqua in un unica direzione il Futuro...

Il 27 sarà Pasqua, una festività, purtroppo, funestata da eventi non proprio pacifici, ma Noi, concentriamoci sulla Pace...parlando della Pasqua attraverso le parole
di Pietro Francesco Cascino, (da un articolo interamente tratto dal sito http://www.antiguatau.it/aggiornamenti%203/pagine%20di%20teosofia/p.f.cascino4.htm) ... partendo dal Natale...


<<Il Natale, richiamandosi al ciclo solare, era considerato come la "nascita" dell'Ego nell'essere umano e la sua crescita attraverso le prove invernali fino all'equinozio di primavera (che segna il risveglio della natura) allorquando, avendo superato l’oscurità e la morte, lo spirito dell’uomo risorge dalla materia.  Il simbolo della festa occidentale della Pasqua è posto, quindi, tra l’inverno che si conclude, e la Primavera che sta per iniziare.   
          
La Pasqua nei primi secoli era officiata ogni domenica ed in seguito una volta all'anno al plenilunio dei mesi di marzo/aprile in coincidenza con la festa che ricordava l'esodo degli ebrei dall'Egitto e quindi la salvezza dalla "schiavitù". 
Appena nel sesto secolo, fu stabilita la data mo­bile della Pasqua che deve cadere una domenica dopo il plenilunio di primavera. 

H.P..Blavatsky nel suo articolo "II carattere esoterico del Vangelo" con riferimento alla festività scrive: 
"La venuta di Cristo significa la presenza di Christos in un mondo rigenerato, non già la venuta nel corpo di Cristo-Gesù. Questo Cri­sto non si deve cercare nel deserto o nelle "camere inferiori" e neppure nel santuario di qualche tempio o Chiesa costruiti dall'uomo, poiché il Cristo - vero Salvatore esoterico - non è un uomo, bensì il Principio divino in ogni essere umano. Chi lotta per far risorgere lo spirito crocifisso dalle sue passioni terrene e seppellito profondamente nel "sepolcro" della sua carne peccaminosa, chi ha la forza di rovesciare la pietra della materia dall'uscio del suo santuario interiore, fa risorgere il Cristo in lui... ".              


Esaminiamo i simboli collegati alla festa religiosa della Pasqua. I simboli connessi a questa fase di transizione s’identificano astrologicamente con i segni dei Pesci e dell’Ariete, esotericamente con la Croce, e cosmogonicamente con l’uovo, simbolo di germe di vita.>>

Che dite, facciamo sbocciare il germe della Nuova Terra? 

Leggete e rileggete questo articolo di Pietro Francesco Cascino è veramente interessante!

Serena Pasqua a tutti da Maria Caterina Ranieri


N.B. l'articolo è interamente tratto dal sito http://www.antiguatau.it/aggiornamenti%203/pagine%20di%20teosofia/p.f.cascino4.htm  
Posta un commento