Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+ Follow Me on Pinterest

Post in evidenza

Il Richiamo della Terra...ॐ

Il mio Corso di Erboristeria "Di Erba in Erba"

giovedì 19 maggio 2016

Segnalibro "verde," antiparassitario

Consulenza naturopatica, cromoterapia, cromoestetica, floriterapia mediterranea, esperta di cosmesi naturale personalizzata, esperienza trentennale da 0 a 100 anni, docente del Corso di Erboristeria “Di Erba in Erba©” http://dierbainerba.blogspot.it, © Maria Caterina Ranieri – all rights reserved ॐ



Nell’era digitale dei tablet, (utilissimi per carità) potrebbe suonare “fuori tempo,” parlare di Segnalibri, ma volete mettere il piacere di percepire l’odore della carta o di percepire le diverse texture dei diversi libri?

Come recita un noto spot televisivo: “non ha prezzo!” Bene, io mi trovo tra quegli appassionati che si godono queste sensazioni d’altri tempi.

Leggendo i libri nasce l’esigenza di porre “un segno,” di mettere un SEGNALIBRO fin dove si è arrivatied è proprio di ciò che vi volevo parlare.

I nostri preziosi tesori però, possono essere oggetto di “appetiti indesiderati” eh già, e come salvaguardarli? Semplice! 

Dall’antica tradizione ci giunge un aromatico suggerimento: si prende una foglia di alloro, (Laurus nobilis L.) sì proprio quello che si usa in cucina per cucinare, e la facciamo diventare il nostro “Segnalibro verde.

Il Laurus nobilis L simbolo di Sapienza e Gloria ha le foglie che contengono diversi principi attivi il cineolo e il fenolo - dalle proprietà battericide e antiparassitarie, quelle ideali da raccogliere sono le  foglie dal colore verde scuro, quelle dell’anno precedente, vi accorgete, toccandole, che sono molto profumate, non raccogliete quelle giovani, non possiedono i principi attivi a noi utlii!

Raccogliamo le foglie e le inseriamo nei libri et voilà, il nostro Segnalibro è pronto!

Un’altra applicazione utile dell’alloro è quella di porlo in Dispensa, nei barattoli dei cereali o delle farine e gli indesiderati ospiti si terranno alla larga! Provare per Credere!

a cura di Maria Caterina Ranieri
Posta un commento